Home |Chi siamo | Dove siamo | Pastore abruzzese | Pastore tedesco |Cuccioli | Cuccioli disponibili | Foto| Contatto

CAVE HOMINEM

Mario Mariani"Quanti mesi ha quel cucciolo?"

- Quarant'anni - rispondo. E, mentre osservo l'espressione stupita sul volto di chi mi parla, rivedo la mia fanciullezza in quel di Bussi sul Tirino, paesino attraversato dall'omonimo fiume, con le sue purissime, fredde, pescose acque, alle falde del Gran Sasso d'Italia.

In quei luoghi il principe dei cani era il pastore abruzzese o più semplicemente "il cane dei pecorai".

Il suo intrepido coraggio lo portava a contrastare le razzie dei lupi (allora ancora molto diffusi su tutto l'Appennino): quindi aveva il rispetto di tutti perchè indispensabile per tutelare l'economia delle famiglie che in maggior parte avevano risorse agro-pastorali.

Nei periodi di transumanza (autunno - primavera), aspettavo che i "cani dei pecorai" comparissero all'orizzonte con lo sgomento di non rivederli ancora, perchè, magari in un combattimento repressivo con i lupi, avessero potuto avere la peggio; ma eccoli di nuovo, con la loro sagoma imponente come la statua del Guerriero di Capestrano, forti nel corpo ma gentili nell'animo.

Si fermavano un attimo, ti guardavano come a dire: "Ti ho riconosciuto; ma il mio percorso è ancora lungo e non mi posso fermare." Ed io, appagato, pensavo che ci saremmo salutati ancora al loro ritorno verso primavera.

Li immaginavo intatti ed a guardia di quel bel creato. Sempre loro, i bianchi guerrieri. E nel mio immaginario facevano parte dell'Abruzzo come il Gran Sasso, la catena della Maiella, il lago di Scanno, l'altopiano di Campo Imperatore.

INVECE NO!Scontrone

Tutto restava e veniva valorizzato... Ma LORO NO!

I cani pastori abruzzesi stavano scomparendo, come stavano scomparendo i lupi sterminati dagli uomini e dalle loro tagliole!

L'Abruzzo esercitava un fascino turistico e richiamava gente sui monti, dominio delle pecore, dei lupi e di chi li doveva combattere (i cani bianchi); e i turisti non rappresentavano un pericolo per le pecore come i lupi. Ma i cani sì: un pericolo per i turisti che si avvicinavano troppo alle greggi, sacre per i cani che nei secoli avevano dovuto combattere il predatore uomo, dedito all'abigeato: razzie con furto di bestiame (nottetempo venivano spostati intere greggi di pecore da un comprensorio montano all'altro). Ma loro, i cani, non potevano sapere che gli escursionisti non avrebbero rubato gli armenti, ma solo scattato qualche foto agli agnellini. E facevano ciò che era scritto nel loro DNA millenario: mordere chi si avvicinava troppo, chissà con quale intenzione.

I danni ai malcapitati erano notevoli e dovevano essere risarciti... Ebbe quindi inizio quasi una vera mattanza di questi cani che venivano consegnati ai canili pubblici, allora associati presso i pubblici macelli, e soppressi come animali mordaci, quindi pericolosi.

ADDIO LUPO!

ADDIO PASTORE ABRUZZESE!

Questo fatto lo appresi da un quotidiano, chi scriveva l'articolo, con rammarico diceva di come nessuno dei cinofili allevatori di razze esterofile (Lancianopassione che negli anni '60 incominciava ad appassionare diversi cinofili abruzzesi), non si sentisse nel dovere di salvare questa razza autoctona di pastore abruzzese, che da millenni è bagaglio di patrimonio culturale e che comunque ancora oggi, NESSUNA AUTORITA' REGIONALE, legata ai beni ambientali, la rivendichi come tale.

Fu così che nel lontano 1967, sentii forte il richiamo del dovere di assurgermi al ruolo di paladino di questi splendidi collaboratori delle genti d'Abruzzo ed evitare che dovessero cadere nell'oblio e nell'estinzione.

La razza purtroppo era fortemente decimata a dispetto proprio dei più rappresentativi giganteschi, combattivi e temibili, guerrieri bianchi.

Le ricerche per rintracciare qualche soggetto tipico e valido, furono lunghe, prima di poter iniziare con tenacia ed orgoglio, un allevamento di ricostruzione e selezione.

Nel frattempo sono passati quasi 40 anni, ma credo di avercela fatta!

I grandi giganti bianchi, non si sono estinti e si chiamano PASTORI ABRUZZESI!!!

E dovunque andranno, porteranno un piccolo pezzo d'Abruzzo, dove hanno vissuto da sempre i loro avi, perchè decisi di chiamare tutti i cani che escono dal mio allevamento, con un nome di città, paese, montagna o fiume d'Abruzzo.

Quarant'anni ripeto allo stupito, possibile cliente, però li porta bene non crede?

Mario Mariani

 

il Pastore Abruzzese

E' una sentinella armata!

La sua vocazione? Proteggere il territorio su cui esercita un dominio assoluto!

Mai invadente, ha l'aria tranquillizzante e aggressiva allo stesso tempo, mentre sorveglia i confini (segnati o no) del territorio di cui si considera padrone esclusivo!

Pesante, potente e pur agile,
i muscoli pieni, le ossa forti, sicuro di se, ha lo sguardo franco, mai sfuggente che sembra dire: guai a chi viola la mia privacy.

"Abruzzo forte e gentile" e mai etichetta -aggiungo io- si addice meglio a questo splendido cane pastore abruzzese. Ormai urbanizzato, lo si vede sempre più spesso nelle mostre e molto, molto meno sui monti a guardia delle pecore col suo aspetto fiero e risoluto.

Lo si vede tranquillo a guardia di ville e villini ma, quando deve intervenire, non riesce a nascondere lo stato di esaltazione di eroe che lo pervade e che si libera in una carica terribile per l'intruso.

(In queste due foto: Ancarano del Dannunziano)


 

Vedi tutte le foto dei Pastori Abruzzesi dell'Allevamento Cupello del Dannunziano
Notaresco del Dannunziano
Ofena del Dannunziano
Tornareccio del Dannunziano
Dogliola del Dannunziano
Fossa del Dannunziano
Frisa del Dannunziano
Isola del Gran Sasso del Dannunziano
Ortucchio del Dannunziano
Vedi Cuccioli disponibili presso il nostro Allevamento

 

 

Per informazioni e prenotazioni - Tel. 085 65258 cell. 389 4321340
e-mail: mariomariani@allevamentodeldannunziano.it

 

Nuova cucciolata in arrivo!!! - Cuccioli di Pastore abruzzese e di Pastore tedesco disponibili